bullied to death

E’ regista, video artista e fotografo sardo. Giovanni Coda ha così creato il suo ultimo capolavoro che dietro il nome “Bullied to Death” si pone come secondo episodio di una trilogia di film tutti dedicati alla violenza di genere. Realizzato grazie a una co-produzione di natura italo-americana e con una interpretazione effettuata in lingua inglese, questo capitolo è stato girato nella città di Cagliari grazie a dei finanziamenti ricevuti dalla Regione Sardegna, dal Comune di Cagliari e dalla Fondazione Sardegna Film Commission.Continua a leggere

queer

Queering Roma è il festival del cinema LGBT (LesboGayBisexTransQueer) organizzato dall’associazione Armilla con la collaborazione della Regione Lazio, della Provincia di Roma e col patrocinio di Roma Capitale. L’edizione che ha riscosso molta popolarità è stata quella del 2011 che, tra le altre cose, fu anche inserita nel calendario degli eventi appartenenti al Roma Europride 2011.Continua a leggere

Né Giulietta, né Romeo

Era già di per sé una beniamina del pubblico gay ma probabilmente lo è divenuta per davvero quando nel 1998 partecipò a “Commesse”, una delle prime serie italiane a sdoganare su piccolo schermo l’amore tra persone dello stesso sesso. Successivamente investita nel ruolo di professoressa in “Provaci ancora prof!” e indimenticabile voce narrante del documentario “Improvvisamente l’inverno scorso”, Veronica Pivetti ha deciso di ritornare in pista e di farlo stavolta in qualità di regista, sceneggiatrice e naturalmente anche attrice!Continua a leggere

Irrawaddy Mon Amour

Irrawaddy Mon Amour è un film che parteciperà al Torino Film Festival programmato per il prossimo 20-28 Novembre 2015. Si tratta di una pellicola in cui vengono messe a nudo le passioni e i sentimenti di un amore omosessuale, ma in cui non mancano affatto sprazzi di denuncia sociale. Tutto ruota attorno alle vicende di Soe Ko e Saing Ko, due ragazzi gay che vivono in una piccola comunità della Birmania e che con l’appoggio della comunità LGBT decidono di contrarre matrimonio. Il primo matrimonio gay nella storia della Birmania. Perchè questo è un Paese tremendamente bello, ma al tempo stesso dilaniato dai conflitti civili e da una forte restrizione delle libertà personali.Continua a leggere